CAMBIAMENTI LAVORATIVI: BATTERE L’EFFETTO TRUMP IN 2 MOSSE! Crescita professionale e carriera

Ciao e Benvenuto a Lavorare col Sorriso!

Cosa è l’effetto Trump in tema di cambiamenti lavorativi? Negli ultimi giorni, a seguito dell’elezione del nuovo Presidente USA credo che tutti abbiamo assistito ad una specie di isteria emotiva collettiva ovunque, specialmente sui social network. Si sono scatenati commenti di ogni sorta e una specie di panico diffuso sui timori di quello che succederà da adesso in poi.  Un pò lo stesso panico diffuso visto in occasione della Brexit …sembrava dovesse crollare il mondo, a partire dalle borse! Il cambiamento in ambito lavorativo ha su di te gli stessi effetti? Entri nel panico da effetto TRUMP? L’onda d’urto emotiva è tale da offuscarti la ragione, e buttarti in uno stato di ansia da quello che succederà? Oppure ti entusiasma?

Ecco, tanto per cominciare ad inquadrare come gestisci/affronti gli effetti dei cambiamenti, e quanto l’emotività a volte possa schiacciare la razionalità o oggettività dei fatti … a proposito di Brexit … quali e quanti fatti, ad oggi, supportano i nefasti effetti che avrebbe dovuto avere quella scelta?

Come puoi affrontare il cambiamento lavorativo mantenendo il tuo benessere, evitando di cadere intrappolato in stati d’animo di apprensione/panico/paura o emotività invadente al punto da limitare la tua capacità di gestire e affrontare al meglio il contesto? In due modi:

1 – mantenendo il focus sulla tua “direzione”

2 – imparando innanzi tutto a capire come sei solito reagire ai cambiamenti!

Come? Seguimi!

1 – Mantieni il focus sulla tua direzione

Sebbene gli avvenimenti esterni alla tua persona, quali l’elezione del Presidente USA o altri avvenimenti importanti, possano avere una enorme risonanza, e un contagio emotivo forte fra persone e colleghi, (lo stesso che si ha normalmente nelle aziende quando subentra un nuovo Amministratore Delegato o Direttore o Top Manager), di fatto, continua a contare solo una cosa per te: la tua meta/direzione, i tuoi obiettivi di lungo termine.

Il fatto che cambino cose “là fuori” implica che tu abbia magari da prendere scelte, provvedimenti, decidere se “subire” una situazione che ha impatti, se li ha, su di te poco gradevoli (reagire), oppure “rispondere”, ossia definire un piano di azione e agire un comportamento che ti avvicini a quello che desideri.

Per identificare quale sia la direzione, il tuo senso di scopo, l’elemento irremovibile che ti sostiene anche se tutto quello che ti sta attorno cambia, mettendoti quindi in condizione di affrontare  qualsiasi stato d’animo, ti rimando a leggere il mio articolo “Un giorno lo farò: il tempo ti è nemico?” – Parte I e II.

2 – Osserva come sei solito reagire/rispondere ai cambiamenti

Ferma restando l’importanza del punto 1) poichè nell’arco della vita lavorativa ti troverai ad affrontare molti cambiamenti, alcuni che ti riguarderanno in prima persona, alcuni che riguarderanno quello che si muove attorno a te, è importante non solo avere presente la tua meta/direzione, ma anche come sei solito comportarti.

Tu potresti trovarti nella condizione di dovere/volere cambiare mansione, attività, funzione aziendale (cambiamento orizzontale) oppure ruolo diventando ad esempio capo (cambiamento verticale).

Allo stesso tempo magari a parità come no di ruolo, mansione, funzione, potresti vedere cambiamenti nelle persone con cui sei solito rapportarti a seguito di cambiamenti organizzativi che ti impattano indirettamente.

Tu cambi tutti i giorni. Ci hai mai pensato? E tutto quello che hai intorno muta di continuo.

Probabilmente se ti facessi le analisi del sangue, la conta dei globuli bianchi e rossi oggi sarebbe diversa da quella di ieri e di domani.

Se è vero che tu sei un corpo, non sei mai uguale a te stesso. Cambi di continuo.

Eppure… eppure quando hai da affrontare una situazione ex novo, dimmi se non è vero, ti parte il loop del “e ora, cosa succederà?” con tutta una serie di pre-occupazioni a cascata sul cambiamento in atto.

Certo, non tutti i cambiamenti destano enormi preoccupazioni. Ma a volte si. Soprattutto se si tratta di cambiamenti che tu consideri importanti. In qualche modo, un certo equilibrio fino a quel momento mantenuto “intatto” si “rompe” per fare spazio a qualcosa di nuovo ed incerto.

Tu come ti rapporti normalmente con il cambiamento? Come lo affronti?

Come lo hai affrontato fino ad oggi?

Ti spaventa? Passi ore a rimuginare e a valutare tutte le possibili conseguenze del caso? A immaginarti tutte le catastrofi che potrebbero succederti, a cosa potrebbe andare storto?

Oppure hai fiducia che tutto andrà per il meglio e ci pensi, si, ma non più di tanto? Anzi, non ci pensi affatto?

Da molti studi che sono stati condotti nelle organizzazioni, di fondo, si registra, in media, una resistenza al cambiamento. Questa resistenza è ricondotta, sostanzialmente, non tanto al cambiamento in se, quanto alle conseguenze del cambiamento. In effetti, anche io personalmente ho fatto i conti con questa dinamica.

Uso una metafora che mi piace molto: supponiamo tu debba cambiare gli abiti che indossi, ipotizziamo il tuo completo o taielleur da ufficio, per vestirti per andare in palestra, o al cinema con gli amici, o ad una partita.

Come fai?

Ti spogli, ti togli degli abiti e te ne metti degli altri. Semplice.

Il cambiamento, di qualsiasi genere, presuppone lo spogliarsi di qualcosa, per indossare qualcosa d’altro.

Annota le risposte a queste domande:

Quanto è facile/difficile per te spogliarti delle tue abitudini, modi di fare, rapporti consolidati, per fare spazio a qualcosa di nuovo, e diverso?

Dove incontri più resistenza, nello spogliarti o nel rivestirti con abiti diversi?

Quanto tempo ci metti a lasciar andare “il vecchio” e quanto ne metti di norma ad adattarti a nuovi contesti?

A chi rivolgi la tua attenzione: a quello che ti aspetta di diverso in un contesto nuovo, o alle energie che tu dovrai mettere in campo per affrontarlo?

In qualche modo il cambiamento ha comunque a che fare anche con la consapevolezza sè.

La consapevolezza di sè, mettitelo in testa, è il punto di partenza da cui nascono tutte le dinamiche lavorative, personali, di vita in generale.

Perché quando qualcosa cambia, tu cambi, con tutto te stesso e tutto il tuo corredo di entusiasmo, paure, gioie, rabbie, frustrazioni, tristezze, allegria, entusiasmo e di tutto un po’.

Questa prima riflessione ti suggerisce qualcosa?

Quanti cambiamenti lavorativi o di vita hai affrontato fino ad oggi nella tua vita?

Quali sono state le principali difficoltà che hai incontrato?

Che pensieri avevi? Quali emozioni hai provato?

In quale punto del processo? Prima, durante, o dopo?

Fai mente locale al tuo modo usuale di affrontare i cambiamenti.

Rileggi quanto hai scritto.

In questo modo potrai identificare paradossalmente le abitudini con cui affronti un cambiamento che scopri essere ripetitive ma deleterie per te e sostituirle con atteggiamenti più utili.

A questo proposito, per identificare e modificare comportamenti che valuti poco efficaci nella gestione del cambiamento, può tornarti utile il mio articolo “Ripeti sempre gli stessi errori? Come trasformarli in successo!”

Insomma, questo effetto TRUMP applicato ai cambiamenti lavorativi, adesso pensi di poterlo gestire meglio?

Hai voglia di farmi sapere qualcosa in proposito commentando nel box a fondo pagina?

Cosa vorresti che fosse trattato  nei miei articoli sul tema del cambiamento lavorativo, rispetto alle dinamiche di cui ti ho parlato sopra?

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo sui social.

Iscriviti alla Newsletter di Lavorare col Sorriso per seguire i prossimi articoli!

Inserisci la tua email e unisciti ai nostri 95 iscritti!

A presto e grazie!

Federica Crudeli

 

 

 

 

 

 

 


Comments

  1. Bell’articolo come sempre… credo che sia più difficile spogliarsi che rivestirsi con abiti diversi… alla fine l’uomo è un animale abitudinario che si adatta subito , il problema più spesso è entrare nell’ottica del cambiamento. Grazie per i punti di ispirazione.

    • FedericaCrudeli76 dice: novembre 21, 2016 at 9:40 pm

      Grazie a te Alberta del commento!
      Si, noi umani, in media, tendiamo ad abituarci alle situazioni e facciamo fatica a “cambiare rotta”: una volta identificato un “percorso”, per una questione di uso efficiente delle risorse, tendiamo tutti a ripetere e reiterare le stesse azioni. Occorre solo stare attenti a non trasformare questi “percorsi consolidati” in una forma di schiavitù inconsapevole che sottrae energie invece che alimentarle. Il cambiamento, di per se stesso, “rompe” vecchi equilibri, fa vacillare, ma costituisce anche un modo per rinnovarsi e scoprire risorse e capacità in noi stessi che spesso non conosciamo solo perchè non abbiamo l’opportunità di vederle all’opera!
      Federica Crudeli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *