L’EMPATIA È UOMO O DONNA? SCOPRILO E USALA Rapporti sul posto di lavoro / Uomini e donne al lavoro

Ciao e Benvenuto a Lavorare col Sorriso!

In questo articolo ti parlo di empatia, uno degli aspetti dell’intelligenza emotiva che ti aiuta nella crescita personale e professionale: cosa è, a cosa ti serve, come puoi imparare a svilupparla per gestire efficacemente  i tuoi rapporti lavorativi e Lavorare col Sorriso!

Come ti ho già detto nel mio articolo introduttivo di Lavorare col Sorriso “Rapporti con i colleghi: 7 modi per farsi odiare” è  affidata anche a te la buona riuscita o meno dei tuoi rapporti tra colleghi, e uno dei mezzi utilizzabili è appunto l’empatia.

Sviluppare una maggiore empatia è fondamentale, che tu sia un capo o un collaboratore di qualcuno, che tu sia uomo o donna.

L’empatia, in sintesi, è la capacità di guardare alle situazioni anche dal punto di vista dell’altro.

A dispetto delle gerarchie organizzative, infatti, i colleghi uomini/donne fanno cose per i loro motivi, non per i tuoi: comprendere quindi cosa può muovere un collega e/o collaboratore a fare o meno una determinata attività, mettendoti nei suoi “panni”con empatia, è l’atteggiamento più efficace da adottare.

Nel mio articolo dedicato alle differenze fra uomini e donne ti ho già parlato del fatto che gli uomini sono più orientati “al compito” e le donne “alla relazione”.

Quindi a proposito di empatia, continuo a parlare di queste differenze ispirandomi in parte e liberamente al testo di Jhon Gray “How to get what you want in the workplace” per precisare meglio quelle esistenti fra uomini e donne.

Mentre gli uomini generalmente comunicano all’unico scopo di risolvere un problema e/o portare a termine una attività, le donne comunicano anche per altri tre motivi: per dare e ricevere supporto emozionale, per alleviare tensioni e stress, per analizzare meglio un problema.

Capire questa differenza è un presupposto per disporre di una chiave di lettura del comportamento per migliorare l’empatia.

Vediamoli singolarmente.

Un’espressione quale “che giornata faticosa, non so se riesco a fare tutto quanto” per una donna è un modo di esprimere il suo stato emotivo e non ha alcuna finalità di biasimo (verso chi l’ha eventualmente “caricata di lavoro”) o di richiesta di aiuto (aspettativa che qualcuno la renda meno faticosa).

E’ solo un modo di alleviare la tensione e ricercare supporto  condividendo uno stato emotivo negativo. Tipicamente, una collega donna fornirà il suo supporto con un “eh ti capisco, è una giornata lunga” , diversamente un uomo tenderà a minimizzare lo stress dicendo “ho visto di molto peggio”.

La differenza fra le due riposte è che la prima, per una donna significa implicitamente “vedo che esisti, ti capisco e rispetto il tuo stato d’animo”, diversamente nel secondo caso la riposta appare come un modo spicciativo per liquidare la questione e che tra l’ altro non produce, dal punto di vista della donna, alcuna visione positiva come invece sarebbe nell’intenzione dell’uomo.

Le donne attraverso l’espressione del loro vissuto alleviano la loro tensione, prima ingigantendo un problema, poi relativizzandolo attraverso il dialogo, per arrivare a rendersi conto, nel parlare, che la questione magari non era così importante come sembrava.

Un collega uomo legge questo “stra-parlare” come un tentativo di esonerarsi dal fare una cosa, un cercare scuse, un sottintendere “è troppo faticoso quindi non lo faccio”.

Anche un collega uomo  può nutrire delle insicurezze rispetto al sapere fare o meno una cosa, o all’avere abbastanza tempo a disposizione, ma non lo manifesta.

Pensa internamente  a sè quale soluzione può mettere in campo ed agisce. Questo processo solleva la tensione di un uomo rispetto ad un problema.

Lo stesso sollievo invece, una donna lo trova esprimendosi. Infatti, generalmente un uomo ha già chiaro quello che vuole dire prima di parlare, mentre una donna, generalmente inizia a parlare per poi scoprire gradualmente quanto vuole dire e per analizzare un problema.

Come possono quindi uomini e donne sul lavoro migliorare la loro empatia? Iniziando a comprendere i motivi che sottendono i reciproci comportamenti per inquadrarli nel giusto modo.

Quindi come prima cosa ti chiedo di ripensare al tuo vissuto lavorativo e di verificare se effettivamente ti ritrovi in questa descrizione e poi, da subito, di cominciare a porti rispetto all’altro sesso in modo differente, ora che conosci le motivazioni di fondo che giustificano queste differenze.

Ovvio che questi comportamenti valgono in media e generalmente: nulla esclude che ci siano donne con una forte componente di mascolinità che parlano solo per trattare uno specifico problema senza alcuna divagazione, e viceversa uomini con uno spiccato lato femminile che divagano rispetto alla trattazione di un tema condividendo un proprio sentire del momento.

Saper usare l’empatia significa tenere conto di queste differenze in modo da comunicare efficacemente.

Inoltre tutti i più recenti studi sulle neuroscienze e la scoperta dei neuroni specchio dimostrano che la “natura” o “diversità biologica” influenza solo in parte la nostra capacità di usare l’empatia, il cui sviluppo  è comunque condizionato dall’educazione ricevuta e dall’ambiente esterno e sociale. (Qualora poi volessi approfondire la scoperta dei neuroni specchio ti consiglio il libro “So quel che fai. Il cervello che agisce e i neuroni specchio ” di Giacomo Rizzolati e Corrado Sinigaglia).

A questo proposito personalmente penso ad esempio,  che la tendenza degli uomini a non manifestare le emozioni come fa una donna più naturalmente, sia legata alla cristallizzazione nel tempo del concetto dell’uomo Denim che non deve chiedere mai. Anche gli uomini vivono delle emozioni internamente, che per cultura e per la necessità di mantenere lo status di “forti” puntualmente nascondono o reprimono.

Poi, a prescindere dal tuo sesso, immaginati in una giornata particolarmente felice per qualche motivo: sei entusiasta, contento e magari muori anche dalla voglia di esternare quello che ti rende così contento, a qualcuno, o semplicemente, vorresti conservare questo tuo stato di grazia magari anche un po’ con la testa leggera leggera per aria. Ti si avvicina alla scrivania un capo/collega per parlarti di un compito congiunto che dovete portare a termine. La scena si svolge più o meno così:

“(senza saluti né nulla… ) avevamo da finire entro oggi quell’incarico. Vieni con me di là un attimo!”

Tu nel frattempo sei lì con la tua fibrillazione interiore di gioia e vorresti che qualcuno almeno ti dica almeno “wow che espressione soddisfatta che hai” .

Nulla di tutto questo. Il tuo collega ti ha rivolto un ciao a malapena e del tutto indifferente attaccata a parlarti di numeri, dati, cose da fare, Tizio che ha detto così poi fatto colà, l’altro che ha ritardato l’invio dei documenti che vi servono, e parla come un treno che va ai 400 km orari riempiendoti di sacchettini di parole senza sosta.

Eppure i treni ogni tanto la fanno una fermata, pensi dentro di te. Neanche i rapper professionisti parlano a quella velocità. Ma nulla. Tutto lo sproloquio, magari anche con un tono triste o monotono se non incazzoso finisce con un “ora fai questo!”.

Nel frattempo quasi divaghi con la testa ricavandoti un angolo di pace in mezzo a tutto quel parlare, sperando che termini il prima possibile.

Ecco, possiamo dire che questo è il contrario dell’empatia, ossia la capacità di entrare in sintonia con un’altra persona o di mettersi “nei suoi panni”. Io direi anche cecità emotiva, se possibile.

Le cose peggiorano notevolmente se, invece che trovarti in uno stato di grazia, fossi invece profondamente triste per qualche motivo, o preoccupato, e quindi, con poche energie e poca voglia di aprirti al mondo e interagire col prossimo.

In questo secondo caso magari ti aspetteresti, da un altro essere umano almeno un “tutto ok? Ti vedo strano/triste/silenzioso” o più genericamente una qualsiasi forma di genuina e umana attenzione per la tua persona tipo un semplice “ciao”

Una parte di te magari pensa pure “sai a me quanto me ne frega dei tuoi dati e bla bla bla con questo pensiero martellante che ho nella testa che non mi da pace ben più importante di quanto mi stai dicendo”.

Ti è mai successo? Che sensazione hai provato?

Oppure sei tu uno di quelli che a prescindere da chi hai di fronte, fai sempre il rapper sul treno ai 400 km l’ora da tanto che sei fissato con i tuoi compiti/obiettivi/scadenze vedendo solo e soltanto te stesso e le tue incombenze?

Riconoscere gli stati d’animo altrui dagli indizi non verbali è sicuramente un punto di partenza per instaurare una comunicazione efficace usando l’empatia.

La postura, lo sguardo assente/presente, il tono di voce, l’espressione del viso, la respirazione bloccata come se uno stesse in apnea, o veloce come se avesse fatto un ironman al cardiopalma, il tipo di linguaggio usato,  sono tutti elementi che entrano in gioco nella comunicazione sul lavoro e sono un termometro del tipo di scambio che è più o meno opportuno avviare, per un collega che, dotato di empatia, sappia appunto usare le circostanze a suo favore dopo averle osservate.

Quanto sei allenato a notarli? Tanto? Poco? Per nulla?

Quando li noti? Sempre, mai, occasionalmente?

Li noti poco sugli altri o anche su te stesso, cioè fai fatica a riconoscerti stati d’animo differenti di felicità, entusiasmo, gioia, rabbia, tristezza, paura, e annesse manifestazioni usuali nel mondo esterno, perché sul lavoro devi essere una macchina produttiva senza intoppi perciò tutto quanto entra nel campo della tua consapevolezza lo rifuggi per essere performante?

Quanto sei capace di esprimere i tuoi stati d’animo, senza soffocarli ma anche senza soffocare/travolgere un altro collega?

Un  buon modo per migliorare l’empatia è, qualora anche tu abbia difficoltà con te stesso, iniziare a prestare attenzione al tuo linguaggio non verbale e alla tua vita emotiva. E’ un po’ difficile poterlo notare negli altri quando non siamo capaci ad osservarlo in noi stessi.

Come si fa? Osservati. Ascoltati. Senza giudizio rispetto ai tuoi vissuti emotivi e cognitivi. Spesso il censore interno che abbiamo, soprattutto se il nostro vissuto è negativo, tende a dirci “no, ma così non si fa, così non ci si fa vedere di fronte agli altri, così non sta bene” etc.. Il risultato finale? Si rischia di diventare delle foglie morte senza linfa. Ci si spegne.

Premesso questo,  per “creare” rapporti lavorativi efficaci col prossimo usando l’empatia, è appunto importante considerare che questo prossimo esiste, è umano come te, ha gioie/difficoltà come te e magari ha bisogno di sentirsi “visto” prima di essere oggetto di “rapperaggio spinto”, romanticamente o aggressivamente connotato che sia.

L’uso dell’empatia consente di creare un clima di fiducia, apertura e reciproca comprensione ed è presupposto basilare per una comunicazione efficace.

Vuoi allenarti ad entrare in empatia con  i colleghi? Allenati ad osservare gli altri in generale.

Tutti i momenti sono buoni: in attesa davanti alla fermata del treno, bus, metropolitana, in coda alle poste, al supermercato, invece che tenere la testa impiantata dentro al tuo smartphone, osserva gli altri e il loro modo di parlare, la postura fisica, lo sguardo, l’espressione, improvvisamente ti renderai conto di far parte di un mondo che non necessariamente è rinchiuso nei profili facebook o instagram delle persone. Dal vivo c’è il sonoro! E’ più interessante!

Per quanto mi riguarda, ad esempio, pur considerandomi  una persona dotata di empatia, ho fatto comunque questo esercizio, soprattutto per impegnare i momenti di attesa che consideravo come “tempi morti” finchè un coach uomo (vedi vedi che anche gli uomini badano a queste cose) mi ha suggerito  ironicamente  come potevo sfruttarli, con la freddura “perché, per te esistono i tempi vivi e i tempi morti, oppure i tempi che consideri morti puoi farli vivere in qualche modo?”.

Ovvero potevo “ammazzare” quella che per me era la noia mortale delle attese, in momenti di “sperimentazione” , “osservazione” e “allenamento” all’empatia. Rafforzare la sensibilità ad osservare e riconoscere il linguaggio non verbale degli altri mi è servito molto. E nella vita in generale.

Una volta che hai acquisito una maggiore capacità tanto di leggere meglio te stesso quanto gli altri, cosa ci fai?

Usi questa tua capacità per costruire relazioni più efficaci, dosando l’espressione della tua emotività, delle parole che usi e il momento adatto per parlare considerando anche l’altra persona nella tua conversazione non come un soprammobile che è lì per rispondere a dei comandi, ma come un umano.

Anche semplicemente proporre una idea o iniziativa o affrontare una discussione quando l’altro non è presente a sufficienza se non addirittura indisponibile, è controproducente sia per te, che corri un elevato rischio di non ottenere il tuo obiettivo, che per l’altra persona che magari ti archivia nella RAM della sua memoria come persona sgradevole con cui avere a che fare e senza empatia. Poi non lamentarti se i colleghi ti scansano!

Ricapitolando ti ho spiegato la differenza fra i motivi per i quali in genere uomini e donne comunicano sul lavoro, cosa è l’empatia in modo pratico, ti ho dato spunti di riflessone per imparare a guardare meglio a te stesso, ti ho detto che l’avere empatia non dipende dalla tua diversità biologica di uomo e donna, ma più da fattori culturali/educativi/ambientali e ti ho dato un primo esempio pratico per allenarti ad osservare gli altri per costruire una modalità comunicativa empatica efficace.

Tornerò ancora sul tema dell’empatia, del linguaggio non verbale e delle modalità con cui sviluppare o affinare le tue capacità di utilizzare l’empatia a tuo vantaggio.

Nel frattempo lasciami un commento e dimmi quali riflessioni hai fatto o quale argomento vorresti fosse trattato o approfondito.

Hai trovato utile l’articolo?

Condividilo sui social se ti è piaciuto!

Iscriviti alla Newsletter di Lavorare col Sorriso per seguire i prossimi articoli sui questo e altri temi!

Inserisci la tua email e unisciti ai nostri 132 iscritti!

Grazie, a presto!
Federica Crudeli

Ps= in questo articolo sono presenti link di affiliazione Amazon


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *