CONFLITTI SUL POSTO DI LAVORO: LI RISOLVI O CERCHI COLPEVOLI? Rapporti sul posto di lavoro

Ciao e Benvenuto a Lavorare col Sorriso!

Che tu sia uomo o donna, sei solito risolvere i conflitti sul posto di lavoro efficacemente usando l’intelligenza emotiva per migliorare la tua leadership oppure vai accusando in cerca di colpevoli, o della ragione costi quel che costi? In questo articolo ti parlo di questi due diversi atteggiamenti nell’affrontare i conflitti sul posto di lavoro e ti parlo delle softskills utili anche per la vita, dato che i conflitti o le divergenze fra colleghi, uomini, donne e umani in generale sono assai frequenti.

La gestione dei conflitti sul posto di lavoro, può avere una finalità utile o non utile.

La finalità utile della gestione dei conflitti sul lavoro è quella di capire, esprimersi,  farsi rispettare, trovare punti di accordo.

La finalità non utile della gestione dei conflitti è quella di manipolare (spesso inconsapevolmente), cercare colpevoli, accusare, difendersi, avere ragione.

Per quali motivi discuti, di solito? E quanto sei consapevole di come il tuo modo di gestire i conflitti sul posto di lavoro impatta sulla buona riuscita dei rapporti tra colleghi?

Ipotizziamo che  Alice e Marco, che rappresentano due unità aziendali differenti nell’ambito di un gruppo di lavoro composto da più impiegati, abbiano da consegnare un lavoro finito per una certa scadenza.

Ognuno di loro è portatore di interessi differenti e ovviamente, ha preferenze diverse sulle modalità con cui è possibile “risolvere” un dato “compito”o “task” per usare gli inglesismi che fanno molto moda.

Nel giorno della scadenza stabilita e per rispettare obiettivi sfidanti Alice, senza dire nulla a Marco che era impegnato in altre attività, presenta all’intero gruppo di lavoro il “task” finito e costruito, in parte, ma non del tutto, con il contributo anche di Marco, che viene a conoscenza della versione finale del lavoro a cose fatte.

Marco si sente salire un pò di rabbia, quando vede scritto su una mail quello che avrebbe dovuto essere frutto anche del suo lavoro: non solo vede i fatti compiuti, ma condivide solo in parte la soluzione proposta, e in ogni caso ci sono degli aspetti dati per decisi che lo mettono in difficoltà rispetto alla sua unità di business.

Marco è arrabbiato e dentro di lui si agitano questi pensieri: sono incavolato nero, non mi ha considerato, mi ha “scavalcato”, ha deciso una cosa che non condivido e in più l’ha fatto in mia assenza senza avvisarmi.

Non posso neanche arrabbiarmi apertamente, perché si sa che in azienda i conflitti sul posto di lavoro “aperti” sono malvisti e come uno manifesta un po’ di dissenso viene tacciato di essere un polemico rompiballe.

Come potrebbe comportarsi Marco?
Esempio di gestione del conflitto sul posto di lavoro con modalità comunicative finalizzate a manipolare, cercare colpevoli, accusare, difendere, avere ragione.

M – (con tono risentito e veemenza verbale, verso Alice) Ho visto la mail… bella sorpresa… siete proprio scorretti! Non solo avete deciso la versione finale senza di me, ma in più l’avete comunicata a tutto il gruppo e vi siete venduti una cosa che ora mi mette in difficoltà con altri miei colleghi!
Il tono “risentito” è umano, ci può anche stare…ma quello che segue si chiama accusa, prima ancora di capire se abbia affettivamente dei fondamenti o meno.

A – Marco, sei sempre assente, questa è la logica conseguenza del tuo modo di fare!

Alice si sente attaccata e di istinto, invece che smussare i toni, contro-accusa il collega.
– Ma che assente e assente, non nasconderti dietro a delle scuse perchè hai torto e sei stata scorretta! Non è la prima volta che succede. Mancava poco alla versione finale. Hai il brutto vizio di non parlare!

A – Se non ti fai trovare!

M – Ma se ero in trasferta ieri!

A – …e comunque cosa vorresti insinuare con quel “non è la prima volta che succede?” vogliamo parlare di quando due mesi fa ti sei “venduto” la scadenza senza condividerla?

Ora….potete capire che gestire i conflitti sul posto di lavoro con questo rimbalzo di attacchi e accuse reciproche potrebbe durare più o meno all’infinito.

Per ironizzare, in tre nanosecondi ogni collega ha già piazzato nella sua mente come arma di difesa tutto il Consiglio Superiore della Magistratura, con tanto di primo, secondo e terzo  grado di giudizio, Cassazione compresa!

Si chiama anche “escalation of commitment” per usare un gergo psicologicamente “tecnico”.
Risoluzione finale? Animo amaro da entrambe le parti, e soprattutto, nessuno dei due probabilmente otterrà nulla di quello che realmente avrebbe voluto.

Esempio di gestione del conflitto sul posto di lavoro con modalità comunicative finalizzate a capire, esprimersi, farsi capire, rispettare il prossimo e trovare punti di incontro.

M – (con tono un po’ risentito) Ciao Alice! Ho visto lo scambio di mail e che hai presentato la versione finale del lavoro a tutto il gruppo quando non c’ero. Mi sento parecchio infastidito! Mi puoi spiegare cosa è successo?

In questo modo Marco applica l’intelligenza emotiva in 3 modi:

1 – saluta come accade fra esseri umani,

2 –manifesta il suo stato d’animo irritato che fa sempre bene, visto che reprimere le emozioni, alla lunga, fa più danni dell’uragano katrina, e non lo dico io ma la scienza,

3 -senza tirare conclusioni si attiene ai fatti che ha visto e chiede spiegazioni, per capire, prima di scegliere se permettersi di essere alterato del tutto o meno e di biasimare la collega.

A – Ciao Marco. Mi spiace vederti arrabbiato. E’ successo che ieri il Direttore ci ha chiesto entro le 16 di presentargli il lavoro proprio mentre stavamo valutando di chiedere un posticipo della scadenza di altri 3 giorni. Sono mancati  i tempi tecnici sia per avvisarti prima, visto che ci hanno detto che eri fuori, sia dopo, e nel dubbio piuttosto che lasciare la cosa incompleta abbiamo preso quella che ci sembrava la decisione migliore ricordandoci anche le tue indicazioni. I modi in effetti non sono stati dei migliori ma almeno nella scelta finale ti ritrovi oppure no?

M – Ah ecco… volevo ben sperare che ci fosse una ragione valida per quello che ho visto. Diversamente, e lo specifico nel caso accada di nuovo in futuro, vorrei condividere le scelte prima e sapere quando saranno ricondivise nel team. In questo caso in effetti la decisione che avete preso mi mette in difficoltà per diversi motivi che ora ti spiego (…) come possiamo venirne fuori? Mi aiutate?

A – Si si tranquillo, a parte che non è da me, in ogni caso certo che condividerò le scelte future prima di presentarle a tutti qualora non ci fossi. Tu però le prossime volte, se dovessi sapere che a ridosso di una scadenza ti mandano fuori per lavoro, ci avvisi prima?

M – Ok sarà fatto. Anche io preso dalla fretta proprio mi sono dimenticato.. scusami. Quindi come ne veniamo fuori? Io ho questo problema adesso (…)

A– Beh credo che ci siano tempi e margini per rivedere la cosa!

Alice utilizza l’intelligenza emotiva nella gestione del conflitto lavorativo in questi modi:

1 – saluta;

2 – esprime dispiacere per il collega che vede risentito, con empatia;

3 – chiede se la soluzione individuata è condivisibile;

4 – chiede al collega per il futuro, di avvisare qualora fosse assente, usando quindi la sua assertività.

Marco a sua volta: esprime chiaramente la sua difficoltà e la necessità di trovare una soluzione, si prende l’impegno di avvisare qualora debba assentarsi vicino ad una scadenza, ed esprime cosa vorrebbe per se in futuro.

Nella tua quotidianità quante volte la gestione dei conflitti sul posto di lavoro assomiglia al primo caso e quante volte al secondo?

Quante volte “prendi la tangente” di fronte ad una situazione mal digerita e quante volte invece ti prendi del tempo per capire, prima di scegliere la riposta più opportuna usando la tua assertività?

La possibilità di scegliere la risposta di fronte ad una situazione di conflitto, prende il nome di proattività, ed è un concetto introdotto da V. Frankl, che ha condotto molteplici studi sul senso di scopo delle persone.

Reagire significa non interporre alcuna consapevolezza fra uno stimolo esterno e il nostro comportamento, rispondere significa invece prendere consapevolezza di quello che accade al nostro interno ed indirizzarlo con assertività in modo utile rispetto all’obiettivo che ci poniamo.

Farlo significa rafforzare la propria leadership, ossia la consapevolezza e padronanza di sè stessi. Qualora l’obiettivo di una conversazione sia litigare con i colleghi in modo fine a se stesso allora la modalità n° 1 è quella giusta.

Qualora l’obiettivo invece sia trovare soluzioni condivise e ridefinire comportamenti accettabili per entrambe le parti in futuro, la modalità n° 2 è quella più adatta da seguire.

Qualora invece, dopo aver raccolto il punto di vista dell’altro ti trovi di fronte ad una vera e propria scorrettezza ingiustificabile ai tuoi occhi, considera che:

a – possono esserci colleghi che per differenti ragioni e motivi, vivono di bassezze. In questo caso intanto puoi avere una fortuna magari: non assomigliargli;

b – inoltre, quando hai a che fare con colleghi che deliberatamente fanno cose a danno altrui, o per metterti in cattiva luce, o per affermare se stessi, o per screditarti, tieni a mente che il problema è loro: quasi sempre soffrono di insicurezza cronica con un ego pari ad una mongolfiera, ed hanno bisogno di sminuire gli altri per emergere.

In questo senso, sempre a proposito di vivere per se stessi un tempo di qualità, prima di dare eccessiva importanza a questo tipo di colleghi e quello che fanno, ti ricordo che nell’articolo “Un giorno lo farò: il tempo ti è nemico? Parte I” ti ho parlato  di investire il tempo in funzione del tuo scopo e dei tuoi principi.

Di conseguenza il tempo da dedicare a queste persone tossiche è bene che si riduca all’osso. Puoi sempre scegliere di averci a che fare per il tempo che è imposto dal contesto, ma nulla di più.

E poi lasciarti alle spalle la rabbia e il senso di sconfitta che a volte l’esito di questi conflitti sul posto di lavoro può generare.

Inoltre, se vivi in funzione dei tuoi principi guida, disponi di una bussola interna che ti conferisce sicurezza interiore e ti indirizza nelle scelte, ed è corretto che sia l’unico riferimento rispetto al quale misurarti, piuttosto che preoccuparti della figura da stupido che magari qualcuno ci tiene tanto a farti fare…la summa di questo pensiero è resa bene da questa celebre frase dei Beatles da tenere a mente di fronte a colleghi poco corretti:

In sintesi ti ho parlato di due modi di affrontare i conflitti sul posto di lavoro rispetto all’obiettivo di trovare punti di accordo: uno più utile ed uno non utile.

Ti ho quindi parlato della differenza fra la reattività e la capacità di risposta intesa come proattività: in questi casi le differenze fra uomini e donne non hanno alcuna relazione con la maggiore o minore padronanza di queste softskills!

Hai trovato utile l’articolo? Ti regala un sorriso?
Condividilo sui social se ti è piaciuto!
Iscriviti alla Newsletter di Lavorare col Sorriso per seguire i prossimi articoli sui questo e altri temi!

Inserisci la tua email e unisciti ai nostri 68 iscritti!

Nel frattempo lasciami un commento nel box in fondo alla pagina!

Grazie, a presto!
Federica Crudeli


Comments

  1. Ciao Federica, qs articolo arriva a “fagiuolo” per dare una prospettiva differente su due questioni che affrontero oggi. Con una persona sento che c’è la possibilità di essere nel primo caso, con l’altra temo di avere a che fare con la tossica manipolatrice svalutante di turno… la lascerò cuocere nel suo brodo e peggio x lei!!! Di fatto sono cose che sapevo… ma ricordarsi di applicarle quando l’emotività incalza è un altro discorso. Buona giornata, ti farò sapere come andrà… Saluti, Anna

    • FedericaCrudeli76 dice: giugno 17, 2016 at 5:42 pm

      Ciao Anna,
      se hai a che fare con una manipolatrice svalutante … fai 3 bei respironi per placare le emozioni, e usa l’ironia.
      Chi si prende troppo sul serio (e generalmente questo tipo di persone lo fanno) di fronte ad una battuta ben piazzata perdono l’uso della parola! Sicuramente tu saprai che tipo di ironia sia più opportuna con questa persona. Grazie del commento e fammi sapere come è andata!
      Federica

  2. Ciao Federica. Vorrei iscrivermi ma non mi accetta la mail.

    • FedericaCrudeli76 dice: maggio 5, 2017 at 10:22 pm

      Ciao Yulia
      grazie della segnalazione. Mi sembra strano che non accetti la mail, dovresti ricevere una richiesta di conferma. Intanto faccio una verifica. Buona serata

  3. Ciao Federica, mi chiamo Veronica ho 42 anni e sono una responsabile amministrativa , ma vorrei lasciare il lavoro perché la moglie del mio titolare , mi rovina l esistenza, ho il terrore di questa persona , sono disperata perché mi sento una fallita e sottomessa da una persona che nn ha neanche 1 centesimo delle mie competenze ….usa toni altezzosi e minacciosi e io me la faccio sotto !

    • FedericaCrudeli76 dice: maggio 5, 2017 at 10:42 pm

      Ciao Veronica, grazie della tua testimonianza.
      mi spiace di quanto racconti. Una riflessione: che legame esiste fra una persona che usa toni altezzosi e il tuo senso di fallimento? Cioè…perchè arrivi al punto di sentirti fallita tu, se hai a che fare con una persona “stronza”?
      Ti dico una verità amara: le persone ci trattano come noi le abituiamo a trattarci. Posto che sicuramente puoi cercare altro lavoro, ma prima di farlo, sino ad oggi la tua “risposta” a questo atteggiamento quale è stata? Hai subito le sue prepotenze in silenzio? Ho hai affrontato la questione parlando apertamente e con assertività? Te la fai sotto perchè credi che possa attentare alla tua incolumità fisica? Ti minaccia?
      Ci sono persone che riconoscono in altre persone, più remissive e mansuete, dei “piattini prelibati” e si nutrono di angherie per rafforzare evidentemente la scarsa opinione che hanno di se stesse usando forza e arroganza. Hai mai pensato di invertire il ruolo? Smetterla di essere vittima e diventare tu carnefice? Se no, perchè non lo hai fatto e cosa te lo impedisce? Lei è donna quanto te. Ha pregi e difetti quanto te. Ti invito a riflettere su cosa inneschi in te questo senso che io percepisco come di inferiorità, a maggior ragione se pensi non abbia la tua competenza. Non conosco nei dettagli la situazione ma nel frattempo penso che possa esserti utile riflettere sul fatto che qualsiasi rapporto umano dovrebbe avvenire su un piano di “parità” e la parità nei rapporti è anche nostra responsabilità saperla imporre, laddove manchi. Percepisco una grande paura da parte tua,ma, a meno che questa persona non usi violenza fisica (allora andrebbe denunciata), cosa ti fa tanto paura di questa donna? Avrei bisogno di capire meglio come ti comporti tu e in quali circostanze e occasioni questa donna usa toni minacciosi e perchè questi toni minacciosi minano tanto la tua persona al punto da farti sentire un fallimento. Tu puoi essere un fallimento solo per te stessa. Nessuno può attribuirti un valore se non quello che tu decidi di attribuirti. E quello che decidi di attribuirti è sano che sia il più possibile indipendente da altre persone. Un caro saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *